[retour à un affichage normal]

Accueil > Outils > La schiava

Content-Type: text/html; charset=UTF-8

La schiava


ANONYME, "La schiava"

"Raccolta di scenari più scelti d'istrioni", Parte prima, fol 7-11, ms de la "Raccolta corsiniana, Accademia Nazionale dei Lincei, Roma, cote 45.G.5

Ce scenario manuscrit de commedia dell'arte, qui date approximativement du milieu du XVIIe siècle, reprend le contenu de la comédie La Emilia de Luigi Groto et présente donc plusieurs points de rencontre avec L'Etourdi :

"acheter sourdement l'esclave idolâtrée"
"des leçons étendues"
"nous sommes perdus, si cet entretien dure"

Pour une analyse des rapports entre L'Etourdi et ce scenario, ainsi que d'autres scenari, voir C. Bourqui, Les Sources de Molière, Paris, SEDES, 1999, p. 73-76.


LA SCHIAVA

ATTO PRIMO

PANTALONE, ZANNI La morte della moglie, la partita di Venetia l’amore di Lavora trabisonda in Nicosia lasciata gravida che parturi Emilia che mandava ogn’anno Zanni a presentarla, et hora per esservi la guerra haver mandato Silvio per ogni buon rispetto Zanni afferma e fanno lazzi; Pantalone per saper nova di loro và al molo Zanni narra l’ordine lasciatoli da Silvio della Schiava che tiene Coviello et che li lasciò 10 scudi di caparra acciò la tenessi per certo tembo batte da Coviello

COVIELLO Intende da Zanni che habbia cura alla schiava sino al ritorno di Silvio; Coviello non voler più tenerla anzi haverla mezza venduta; Zanni si dispera, et li dice che la tenga per tutto il giorno che li provedera delli denari. et che faccia che la Schiava dica cio che lui vole che vol fare una burla a Pantalone et che li dara il paraguanto; Coviello si contenta et entra. Zanni parte.

CASSANDRO Delli dui figlioli. uno maschio mandato piccolo in Spagna et una femmina rubbatali picciola, dolesi delle sue disgratie et della mala vita del Capitanio, in questo

CAPITANIO Contrattano assieme. Cassandro li dà la chiave di una casa vicina et parte. Capitanio, l’amore della Cortegiana et non poter havere l'intento suo per non poter rubbare niente al padre avarissimo e parte

ZANNI Affannato narra haver visto Emilia sua figliola in una Galeotta fatta schiava; fatti lazzi domanda 300 scudi a Pantalone per riscoterla. Pantalone dà li denari a Zanni et entra; Zanni discorre sopra di essi che vol portarli a Emilia e batte.

COVIELLO fatti lazzi riceve li denari et chiama la schiava.

SCHIAVA fuori; Coviello ce la consegna. Zanni fà seco lazzi l’ammaestra li dice il tutto del esser suo. Zanni batte da Pantalone

PANTALONE fuori, Zanni li mostra la schiava. Pantalone fà lazzi l’interoga. Zanni suggerisce, fatti lazzi. Pantalone la mena in casa. Zanni si ritira, in questo

SILVIO, CAPITANIO Della loro amicitia; Silvio domanda al Capitanio un appartamento per potersi retirare acciò suo Padre non lo veda dovendo fare alcuni sui negoti; Capitano gli dà la chiave del appartamento e parte; Silvio resta in questo

ZANNI riconosce Silvio, fanno lazzi, parlano in metafora delle schiave. infine Zanni dice il tutto a Silvio della Schiava Silvio brava et dice che la cavi di casa et li trovi 300 scudi per l’altra schiava; fatti lazzi Zanni promette. Silvio nel appartamento Zanni batte da Pantalone havendo prima fatti li sui conti.

PANTALONE Intende da Zanni che Silvio ha scritto ad un suo amico che compra una schiava venuta hora, et che lui verra presto a sposarla; Pantalone si dispera Zanni l’esorta a comprarla. et per rivenderla che guadagnara, et levara l’occasione al figliolo di sposarla; fatti lazzi, Pantalone li da 350 scudi et raccomanda il negotio a Zanni et parte. Zanni voler dare li 300 a Silvio et li 50 tenerli per se, in questo

FURBO fatti lazzi li fà la burla della collana et li leva li denari e finisce l’Atto Primo.

ATTO SECONDO

ZANNI Disperato della burla fattoli dal Furbo dice voler battere a casa sua per cacciar via la Schiava, batte.

SCHIAVA Intende da Zanni che ritorni a casa di Coviello; fatti lazzi lei dice che se non la lascia stare scoprira il tutto a Pantalone; Zanni impaurito dice che stia, et facci quello che vole. in questo

CAPITANIO, SILVIO Vedono Zanni contrattare con la schiava. lei si butta alli piedi di Silvio et lo prega raccordarsi di lei Silvio la scaccia con bel modo, lei rientra in casa con scusa di pigliar le sue robbe e partirsi. Silvio domanda a Zanni li denari, quale con lazzi ce li dà; Capitanio domanda denari a Zanni bravandoli; lui si scusa; alla fine promette trovarline purche li dia la chiave del appartamento per poter traficar le robbe. Capitanio ce la dà e parte con Silvio. Zanni va pensando che donna possa dare a Pantalone in cambio della Schiava, alla fine batte.

CORTEGIANA Intende se si vol guadagnare 25 scudi, faccia ciò che lui gli dirà; lei si contenta; Zanni li dice che si vesta da schiava; lei in casa a vestirsi et torna vestita. Zanni l’ammaestra del tutto et fatti lazzi, Zanni batte da Pantalone

PANTALONE Intende quella esser la schiava; fatti lazzi la mena in casa. Zanni parte a fare un altra furbaria.

CAPITANIO Voler vedere se Pantalone li vol vender la Schiava della quale lui è innamorato, batte.

PANTALONE Inteso il tutto dal Capitanio, fatto il patto. Restano d’accordo et Pantalone chiama la Schiava.

CORTEGIANA fà molti lazzi; alla fine Capitanio la scopre per la Cortegiana, lei fugge. Pantalone in collera con Zanni, Capitanio brava a Pantalone e parte. Pantalone resta disperato in collera contro Zanni, in questo

ZANNI Allegro per le burle che vol fare. Pantalone lo piglia nel collare per ammazzarlo dicendoli villania per la burla della Cortegiana. Zanni dice che non è vero che il Capitanio hà fatto a posta per levarcela senza quatrini et che lui si è lasciato gabbare, pero che li vada dietro, che lui hà visto il Capitanio con la Schiava che si ridevano di Pantalone. Pantalone in collera crede, et segue il Capitanio. Zanni resta allegro che il tutto passa bene. In questo

COMPRATORE Intende da Zanni le robbe da vendere, le vede fà l’accordo da denari a Zanni; lui li dà la chiave et che torni a un hora di notte per rispetto delli vicini. Compratore parte. Zanni resta in questo

HEBREO Vede Zanni, fà il simile e parte, in questo

COVIELLO Dice non voler più far mercantie di schiave perche non li riesce, ma voler mutar mercantia. Zanni li fà l’istesso delli altri dandogli un altra chiave, Coviello parte. Zanni per dar li denari al Capitanio parte.

COMPRATORE, FACCHINO con una lanterna di carta per portar via le robbe; doppo lazzi fatti tra di loro vogliono andare al appartamento per aprire, in questo

HEBREO, FACCHINO con lanterne fanno lazzi, in questo

COVIELLO, FACCHINO con lanterne fanno lazzi tra di loro, ciascuno volendo la robba vengono a parole. Fanno a pugni e finisce l’Atto Secondo.

ATTO TERZO

PANTALONE Non haver mai potuto trovare ne la Schiava ne il Capitanio, ma che si vole informare da un certo Coviello mercante di schiave se hà venduta una schiava a Zanni, e batte.

COVIELLO Inteso il tutto, dice haver venduta una schiava a un certo Zanni, quale disse voler fare una burla a Pantalone; Pantalone lo ringratia, Coviello parte. Pantalone resta disperato disposto di volere ammazzare Zanni, in questo

LAVORA, VECCHIO Venire di Nicosia; il Vechio procura saper nova di Pantalone et non conoscendolo gli ne domanda; fatti lazzi riconosce Lavora, l’abbraccia; lei li dice la perdita della figliola; Pantalone dice haverla in casa et la chiamano fuori.

SCHIAVA fuori. Lavora dice non esser sua figliola; doppo lazzi, la Schiava si butta in genochioni et domanda perdono a Pantalone et narra il tutto di Zanni; loro mossi a compassione li perdonano et la mandano in casa, et loro entrano.

SILVIO, CAPITANIO Sopra il Mercante che tiene la schiava della quale Silvio è innamorato. Capitanio non saper cosa alcuna di Zanni et quello che habbia fatto delle sue robbe. Silvio prega il Capitanio a volerli far gratia di andare a riscotere la schiava. Capitanio per farle servitio se ne contenta. Silvio gli dà li denari. Capitanio parte, in questo

ZANNI Dice a Silvio che è venuta Lavora moglie di Pantalone et ha conosciuto quella non essere Emilia sua figliola et hà paura che Pantalone non lo facci appiccare e però li domanda agiuto; Silvio promette.

CAPITANIO, EMILIA. Consegna la Schiava a Silvio; Zanni la riconosce per Emilia et la scopre per tale a Silvio, quale si maraviglia ritrovandosi innamorato della sorella. Zanni allegro dice di haver rimediato al tutto et li manda tutti due in casa per la porta di dietro, dandoli la chiave, dicendo a Silvio che non si palesi se non quando lui lo chiamara. Silvio et Emilia in casa. Capitanio domanda li denari a Zanni delle robbe vendute; lui gli li dà; Capitanio parte, Zanni allegro resta, in questo

PANTALONE Esce di casa, vede Zanni, lo piglia dietro per il collare et lo vole ammazzare. Zanni li dice che gli lasci dire le sue ragioni. Pantalone dice che non vol sentire più ciarle. Zanni li domanda la causa. Pantalone li dice che l’hà gabbato della figliola; lui dice che Emilia e Silvio sono in casa. Pantalone non lo crede. Zanni batte a casa e chiama.

SILVIO Risponde alla finestra, Pantalone resta maravigliato. Zanni gli dice che meni fuori Emilia.

EMILIA, SILVIO Di casa. Pantalone fà maraviglie di veder Silvio, ma non conoscendo Emilia non si fida; chiama fuori la Madre.

LAVORA fuora riconosce Emilia per figlia. Pantalone Lavora l’abbracciano et perdonano a Zanni, in questo

CAPITANIO Biasmando le Cortegiane et dice voler pigliar moglie et sapendo che Pantalone ha una schiava della quale lui ne è innamorato. Li dice se ce la vol dare che la comprarà. Pantalone di si; fanno il patto, restano d’accordo, Pantalone la chiama fuori

SCHIAVA fuori, mentre stanno raggionando delle qualità della Schiava, in questo

CASSANDRO Visto tanta gente si accosta per sentire il tutto, vede la Schiava, la riconosce per figlia sua Ortentia toltali già da Corsari. Capitanio l’accetta per sorella. Pantalone dice a Cassandro che dia Ortentia a Silvio, che lui dara Emilia al Capitanio; si contentano; in questo

COVIELLO Intende il tutto da Pantalone, l’invitano a cena; tutti in casa di Pantalone a far le nozze e finisce la Commedia. [10v/11r]

ROBBE

Tre habiti da schiava
Quattro chiave
Due borse simili.
Una catena d’oro
Un capestro
Tre borse per li compratori con denari
Sei lanterne di carta
Sei candelette. [11r/11v]

PERSONAGGI

PANTALONE
SILVIO, EMILIA, figli
ZANNI servo
CASSANDRO
CAPITANIO figlio
COVIELLO
SCHIAVA poi Ortentia figlia di Cassandro
CORTEGIANA.




Sommaire | Index | Accès rédacteurs